martedì 19 gennaio 2021

La pubertà nel cane

A cosa fare attenzione

Scritto da Franziska Gütgemann, Tierärztin

Nella fase della pubertà i cani tendono a reagire agli stimoli che li circondano in maniera più emotiva.
La pubertà nel cane è un periodo molto turbolento. Improvvisamente il tuo pet mette in discussione tutti i limiti che hai stabilito e sembra non accettare più la tua autorità. Niente paura! L’importante è tenere duro: con qualche semplice suggerimento che ti illustreremo in questo articolo potrai comprendere meglio ed educare con successo il tuo “adolescente a quattro zampe”, superando insieme il momento difficile che sta attraversando.

Il padrone addestra il suo cane al parco
Il padrone addestra il suo cane al parco


Durante la pubertà i cani amano scoprire il mondo che li circonda anche senza il loro umano.

La pubertà nel cane è una fase della vita che inizia in età differenti a seconda della razza e delle caratteristiche del singolo animale.

Questo periodo particolarmente impegnativo di norma prende il via una volta che il cane smette di essere un cucciolo, vale a dire quando perde tutti i denti da latte e nella sua bocca spuntano i 42 denti permanenti che costituiscono la dentatura del cane adulto.

In generale, si ritiene che gli esemplari delle razze più piccole raggiungano questa età critica un po’ prima (intorno ai sei mesi di età) rispetto alle razze dei cani più grandi, le quali entrano nella pubertà a partire dai dodici mesi circa.

È interessante sapere che, nel cane, la pubertà altro non è se non una parte della cosiddetta “adolescenza”. Mentre la prima termina con il raggiungimento della maturità sessuale dell’animale, l'adolescenza si protrae sino all'inizio dell'età adulta e al raggiungimento della maturità vera e propria.

Cosa accede al cane a livello fisico, durante la pubertà?

Terminata la prima fase della sua vita, nella quale il cane è un cucciolo, il suo corpo inizia a riorganizzare l’equilibrio ormonale interno. L'obiettivo di questa modificazione a livello ormonale è il raggiungimento della maturità sessuale, che di norma coincide con la fine della pubertà.

L’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH)

Il GnRH è un ormone peptidico che si crea nell’ipotalamo (cervello), il quale fa sì che gli organi sessuali del cane, sino a quel momento privi di funzione, vengano attivati. A questo punto gli organi sessuali iniziano a produrre gli ormoni sessuali, i quali a loro volta influenzano il funzionamento del cervello.

Gli ormoni sessuali dei maschi (testosterone) e delle femmine (estrogeni e progesterone), infatti, promuovono la crescita della parte del cervello responsabile della percezione delle emozioni e in conseguenza di ciò i cani reagiscono più intensamente alle sollecitazioni che provengono dall’esterno.

Per contro, diminuisce la funzionalità della corteccia cerebrale, che ha la funzione di controllare l'azione cosciente e volontaria. Ecco perché durante l’adolescenza i cani hanno un controllo degli impulsi più scarso rispetto a quello che mostrano da adulti.

Il cortisolo

Durante la pubertà, nel sangue dei cani aumenta anche la concentrazione dell'ormone dello stress, il cosiddetto cortisolo, che viene prodotto nella corteccia surrenale. È questo il motivo per cui il tuo cane potrebbe improvvisamente mostrarsi stressato a causa di rumori forti come ad esempio i clacson delle auto, laddove da cucciolo quegli stessi suoni non sembrava gli creassero alcun problema.

La dopamina

Sebbene il cervello del cane adolescente non generi una maggiore quantità di dopamina, l'ormone della felicità, in questa fase cresce tuttavia la quantità dei recettori che ne sono responsabili. In qualità di importante neurotrasmettitore, la dopamina di norma è associata al collegamento positivo tra le diverse esperienze.

Quindi, dal momento che durante la pubertà questo ormone ha un'influenza maggiore sul cervello del cane, puoi utilizzarlo andando a stimolare il sistema premio-ricompensa più facilmente, sia con gli snack e sia con le lodi.

zooplus.it




Azienda Italiana sul mercato da 20 anni 

ha sempre trattato l'Aloe Arborescens BIO per persone e animali.

Brevetto depositato e registrato per la lavorazione dell'Aloe a freddo, per non perdere nessuna proprietà della pianta.

Una linea completa per persone che va dai "rimedi naturali" "cosmesi dermofunzionale" "igiene" in più una linea per "cani" e "gatti"

Dopo la registrazione arriva una Email con dei link "seguire la procedura, se la decisione è di avere il negozio come account, non si deve mettere la spunta sul sistema FMM(NO FMM) in questo modo si evita di dover firmare il contratto "dove ci sono obblighi"

Il METODO HDR spazza via tutti i problemi che si hanno con altri metodi di conservazione come:


💢 La sterilizzazione (utilizzo di alte temperature) distrugge una buona percentuale di principi attivi. 

💢 La pastorizzazione (utilizzo di medie temperature) consente una conservazione molto limitata (pochi giorni).

💢 L’aggiunta di conservanti naturali, alterano le caratteristiche organolettiche e nutrizionali del prodotto. 

💢 Utilizzano processi produttivi mutilanti, prendono l’estratto di Aloe fatto solo con il gel interno e non con l’intera foglia compresa la cuticola (buccia), in questo modo distruggono una buona percentuale di principi attivi.

Gradito un commento

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per averci inviato un commento o per chiedere informazioni